Partenza Fine
24 maggio 2018 04 maggio 2018
14 giugno 2018 24 giugno 2018
24 luglio 2018 03 agosto 2018
23 agosto 2018 02 settembre 2018
27 settembre 2018 07 ottobre 2018

CTT01 : MARRAKECH, ALTO ATLANTE E SALITA AL J. TOUBKAL


11 GIORNI- 3 NOTTI IN ALBERGO E 7 IN TENDA o presso l'abitante

A 60 km a sud di Marrakech scorre la catena dell'Alto Atlante, con quattro cime che superano i 4.000 metri e la più alta, il Toubkal, raggiunge i 4.167. È la vetta più alta del Paese e la seconda di tutto il continente africano dopo il Kilimangiaro.

La grande montagna è l’attrazione principale del Parco del Toubkal, istituito nel lontano 1942, esteso su una superficie di 100.000 ettari, dove la fauna ha la sua vedette: il muflone di Barbaria (Ammotragus lervia), specie protetta. La flora varia in funzione dell’altitudine e dell’esposizione, e comprende essenze come il ginepro rosso (Juniperus oxycedrus L.), il ginepro turifero (Juniperus thurifera L.), la quercia (Quercus rotundifolia)  e la tuia (Thuja, L.).  Ospita anche una grandissima varietà di fiori.

L'ascensione al Toubkal è il momento forte di questo trek. Il massiccio è alla portata di camminatori in buone condizioni fisiche che scopriranno, per mulattiere e villaggi isolati, il fascino del monte più alto del nord Africa.

La montagna è frequentata, oggi come in passato, da pastori transumanti che salgono, come i loro antenati di quattromila anni fa, sui pascoli degli altipiani. Le loro tracce emozionanti sono rimaste incise sulle rocce dell'altopiano dell'Oukaimeden, ultima tappa del nostro trek. Armi metalliche, bovini, personaggi e perfino elefanti e rinoceronti sono la testimonianza della loro vita spirituale e materiale. Oggi, sul sentiero del Toubkal, si incontrano pellegrini che si recano al mausoleo di Sidi Chamharouch. Si tratta in realtà di un roccione, cui la leggenda attribuisce la capacità terapeutiche.

 

Periodo: da giugno a ottobre  

 

Programma


1. Marrakech.

Accoglienza in aereoporto e trasferimento in albergo.

 

2. Marrakech – campo al Rifugio del Toubkal

Partenza da Marrakech con veicolo privato in direzione di Imlil, il paesino dove finisce l’asfalto e comincia l’avventura. Facile camminata fino al villaggio di Aremd dove si incontreranno lo staff dei mulattieri e continuazione verso il rifugio (3207 slm) dove si monterà il campo. 5 ore di marcia, dislivello 1350 m.

 

3. Rifugio – cima del Toubkal - Rifugio

Sveglia la mattina molto presto per compiere la salita alla più alta vetta del Nord Africa (4 ore e mezza). La vista dall’alto del monte è semplicemente spettacolare, con le alte vette del massiccio dell’Atlante che sembrano a portata di mano e Marrakech al centro di una pianura desertica. Discesa nuovamente al rifugio. Dislivello in salita e discesa 1000 m.

 

4. Rifugio – Lago d’Ifni

Lasciamo il rifugio in direzione del passo di Tizi Anoums a 3800 slm. Poi una lunga discesa ci porta al lago di Ifni, di incredibile bellezza. È il lago di montagna più grande del Marocco, a 2295 slm. Nelle sue acque color smeraldo si riflettono le rosse arenarie dell’Alto Atlante, dai versanti ripidi, tranne sul lato occidentale, dove una spiaggia ghiaiosa invita a fare il bagno. Campo. 7 ore di marcia, dislivello +800 m, - 1500 m.

 

5. Lago d’Ifni – villaggio di Amsouzert

Tappa distensiva di 4 ore per raggiungere una delle più belle vallate di montagna, profondamente incassata e punteggiata di villaggi in pietra a secco. Il pernottamento al villaggio presso l’abitante ci avvicinerà ancora di più alla vita di questi rudi montanari. Dislivello – 600 m.

 

6. Amsouzert - Azib Likemt

Tappa lunga ma relativamente facile e regolare, che conduce oltre il passo di Tizi ‘n Ouarg (2400 slm) per raggiungere il villaggio di montagna formato da “azib”, case sommarie in pietra a secco, dove i pastori passano l’estate, come si fa sulle malghe, con le greggi e le mandrie (2250 slm). La posizione soleggiata del villaggio permette un’agricoltura di sussistenza, compreso il mais, sulle terrazze irrigate da un ingegnoso sistema. 6h30 di marcia, dislivello -1550 m, + 1700 m.

 

7. Azib Likemt - Ouansekra

Partenza in direzione del passo Tizi ‘n Likemt (3550 slm). Discesa verso la valle di Tacheddirt. Pernottamento in rifugio. 6 h di marcia, dislivello + 600 m, - 800 m.

 

8. Ouansekra - Imesker

Continuazione nella stessa valle, punteggiata di villaggi costruiti nelle vicinanze del torrente. Tappa tranquilla con 4 ore di marcia per arrivare al villaggio di Imesker

 

9. Imesker - Oukaimeden - Marrakech

Salita in direzione del villaggio di Tinoughar e una piccola valle fino al passo a 2700 slm. Da qui si scende all'altopiano dell’Oukaimeden (2.600 slm). È qui che si trovano le incisioni rupestri dell’età del Bronzo, sparse su numerose rocce, che rappresentano principalmente armi in metallo quali pugnali e punte, grandi scudi, personaggi filiformi. La fauna selvaggia non manca e a questa quota è stupefacente vedere raffigurazioni di elefanti e rinoceronti! Molto numerosi sono i bovini, che fanno pensare che anche allora si praticasse la transumanza estiva, come fanno a tutt'oggi i pastori locali.

Incontro coni veicoli per il ritorno a Marrakech. 5 h di marcia, dislivello +700, - 300; 1h e mezza dall’Oukaimeden a Marrakech. Cena e pernottamento in albergo.

 

10. Marrakech.

Giornata libera per la visita della città. Pranzo e cena liberi. Prima colazione in albergo. Possibilità di organizzare sul posto (costo extra) la visita guidata della parte storica di Marrakech (medina inserita nella lista UNESCO), la “capitale del Sud”, con il Palazzo Bahia, le Tombe Saadiane e la medersa Ben Youssef, la famosa scuola coranica e la brulicante piazza Jemaa el Fna, che è inserita in una lista speciale UNESCO "Patrimonio orale e immateriale dell'umanità". Pernottamento in albergo.

 

11. Marrakech.

Trasferimento in aeroporto e partenza