Medina di Marrakech, in progetto imponente piano di restauro


Il Re, Mohammed VI ha inaugurato l’inizio dei lavori con investimenti pari a 10 milioni di euro 

Marrakech, la città ocra vivrà di una nuove luce grazie a importanti progetti mirati a preservare il patrimonio storico della vecchia medina: la città beneficerà di un importante piano di riqualificazione che ha l’obiettivo di riabilitare l'aspetto architetturale autentico, restaurare gli edifici storici e valorizzare il tessuto urbano tradizionale.

Il Re del Marocco, Mohammed VI ha appena inaugurato l’inizio dei lavori con investimenti pari a 10 milioni di euro per garantire una nuova vita alla più famosa città turistica del Regno al fine di rafforzare la vocazione internazionale della città e il conseguente flusso turistico.

Il progetto di riqualificazione della medina si articolerà attorno ad un programma di intervento e sviluppo dei circuiti turistici e spirituali di Marrakech, la costruzione di un centro sanitario di pronto soccorso a Jemaa el Fna, il recupero dei dintorni delle mura e degli edifici storici della medina, la valorizzazione del quartiere ebraico Mellah e il ripristino della medersa Ben Youssef.

Considerata tra le medine più grandi del Marocco e più popolate del Nord Africa, si estende per 700 ettari ed è il cuore geografico e spirituale della città rossa. Nel corso dei secoli ha saputo mantenere i suoi connotati storici fondamentali tra cui la sua unicità urbanistica e architettonica. Vivace e brulicante con il suo dedalo di stradine, souk, e attività commerciali tradizionali, la medina di Marrakech è già stata al centro di un piano di sviluppo nel 2014 con un budget di 600 milioni di euro per la riabilitazione dei principali monumenti e luoghi di interesse. E con l’attuale stanziamento l’imponente programma di rivalorizzazione è giunto nella sua fase finale.

In linea con l’impegno del Marocco verso una strada dello sviluppo sostenibile e in occasione del summit sui cambiamenti climatici COP22, Marrakech ha saputo tradurre in progetti concreti le responsabilità prese in campo ambientale: una riorganizzazione sostenibile che l’ha portata ad essere una delle più popolari destinazioni turistiche green friendly e città sinonimo di eco-turismo.

Fa parte dell’attuazione dei piani di potenziamento di Marrakech, l’opera di ampliamento  dell’aeroporto Ménara, il secondo più grande del Paese. Per sostenere lo sviluppo socio-economico e turistico della città il nuovo terminal risponde alla crescita del flusso di traffico internazionale con una capacità di ospitare 12 aerei in più a medio raggio con un volume d’accoglienza di 9 milioni di passeggeri all’anno. Con un investimento di 122 milioni di euro e una superficie di 57mila metri quadrati il nuovo terminal si sviluppa su tre piani, con una altezza di 18 metri con una cupola di vetro speciale che raggiunge i 30 metri e mette a disposizione dei viaggiatori un centro commerciale di lusso, un'area duty free, ristoranti e zone riservate ai viaggiatori Vip.

Nel 2016 quasi 2 milioni di persone hanno visitato Marrakech, tra questi i 40.000 partecipanti alla COP22 di novembre, con 6,5 milioni di pernottamenti.